13.05 – On the bus

Lo senti il peso?
A volte insopportabile – altre è l’unica cosa che in un qualche modo ti..mantiene a galla. Se da una parte ti trascina verso il fondo, dall’altra ti da un motivo per nuotare, opporre resistenza, sink or flow, questo è il gioco.

Ma un peso non è necessariamente negativo, a volte è solo un bagaglio che si, grava sulle tue spalle, ma contiene tutto quello che sei e che sei stato. E per capire quello che sarai ti riscopri ogni volta con lo sguardo perso all’orizzonte alla ricerca di risposte.. è un gesto automatico credo.

Ma voi ne avete mai avute di risposte in questo modo?
Io no.
Dall’orizzonte ancora no.
Dalle stelle nemmeno.

Insomma, finora picche.
Anyway,

Selena mi ha detto che ho l’animo di un diavolo e il cuore di un angelo.
Bello, cioè fico se vuoi, ma.. perché la mia vita deve essere un continuo paradosso che ruota su se stesso?
E dopo un paio d’ore di conversazione non è che puoi uscirtene così con frasi da cinema, dai.
Dai selena, ‘zzo vuoi saperne di me?

A volte mi sembra di andare in giro con una cintura di granate legata al petto, ogni tanto una linguetta scatta e..bum. Se sei fortunato hai il tempo di capire la situazione, ma di certo non quello di reagire; altre volte nemmeno te ne accorgi e l’allarme arriva da un brivido, o un sorriso, immenso.. come quando vedi quei piccoli gesti di umanità al quale non sei più abituato, in italia.
In Europa? maybe.

Persone senza nemmeno gli occhi per piangere, compartir todo, senza che nemmeno ti conoscono. (giro con amici spagnoli e parlo spagnolo punto.)

Mah, bho. Forse è solo il mood zainoinspalla che ti porta a vedere certe cose. Quando sei immerso nella routine, nelle cose da fare, non hai tempo di..fermarti. Hai cose da fare, appunto.

Ma vivere, non è mica una cosa da fare?

In viaggio è diverso, in viaggio non hai niente che devi fare ma molto che vuoi fare. Facile parlare così..

In viaggio non hai fame. Hai voglia.
È un concetto sottile ma fondamentale.